Racconti Comici:

I sopravvissuti


testi comici matrimonio - Matrimonio Arte
Il 7 novembre, ormai neosposi dal giugno precedente, arrivano alla
beauty-farm dove dovrebbero, per l’appunto, rilassarsi… Finalmente, e senza l’obbligo di divertirsi per forza, oppure di scattare foto da mostrare a ogni costo, al ritorno dalla luna di miele, così come invece è stato, nei mesi precedenti, durante le circa quindici cene post-matrimoniali offerte nella loro nuova casa per commentare il viaggio di nozze insieme a parenti e amici.
Soli, veramente soli e lontano da tutto e da tutti, in questa splendida beauty-farm. Una vacanza solo da vivere, senza pensare a come raccontarla al ritorno! Passeggiando in accappatoio dentro il magnifico albergo: “Nonne, zii, amiche: tutte ottime persone! Però adesso basta… solo noi due!” “Hai ragione amore, però sono stati tutti così gentili con noi…” “Gentilissimi ma un po’ asfissianti…” “Sì però anche loro se lo sarebbero meritato un soggiorno rigenerante, se solo pensi a quello che hanno fatto per noi…”.
Così coperto dai fanghi è difficile riconoscere subito zio Mario che si è prodigato oltre misura, e gratuitamente, per ristrutturare la loro nuova casa. Nel mezzo dei vapori della sauna appena si intravede il profilo di Sonia, amica del cuore della sposa, che le ha fatto da sostegno, fisico e morale, dalla scelta delle bomboniere a quello del vestito. A testa in giù sul lettino il neo sposo fa fatica a identificare sua nonna, la “ancora giovane sessantaseienne” che continua a occuparsi di fare la spesa per i nuovi sposi i quali, dato il lavoro, tornano a casa sempre tardi e magari - un giorno sì e l’altro pure - è disposta a dare una sistemata alla loro casa.
Sei mesi prima
“…e poi a tutti gli sposi che organizzano un viaggio di nozze di questo indiscutibile valore e prezzo, la nostra agenzia di viaggi propone un soggiorno super scontato in una beauty-farm, da effettuarsi però a partire dal 7 novembre prossimo. il modo migliore per rilassarsi e riprendersi dopo…”. “Perfetto, quello che ci voleva”, conclude la futura sposa ammiccando con gli occhi teneri al suo lui…
Vuoi per l’interruzione di lei, vuoi per il telefono dell’agenzia di viaggi che comincia a squillare ripetutamente, l’agente di viaggi dimentica di porre ai due la fondamentale domanda: “Siete d’accordo o meno a che io faccia la stessa offerta ai vostri parenti e amici che, per la lista di nozze organizzata da voi presso la nostra agenzia, spenderanno almeno tremila euro?”.

Matrimonio Arte Consiglia: